venerdì 28 settembre 2012

Io volevo essere un giunco

Eravamo in aula, in uno di quei giorni afosi di giugno che sembrano non passare mai. Chiuse le interrogazioni, chiuse le spiegazioni. Per provare a riempire il vuoto della noia, un insegnante ci disse di scegliere un albero nel quale impersonificarci. Tutti iniziarono a scegliere rubeste quercie secolari, i ragazzi, e graziosi peschi in fiore, le ragazze. Ma io no. Io volevo essere un giunco. Quando arrivò il mio turno e lo dissi, mi scoppiarono tutti a ridere in faccia, l'insegnante compreso. Che pianta inetta e spoglia avevo scelto. Ma io volevo davvero essere un giunco. Sapete, onda dopo onda, il giunco non si spezza. Si piega per tornare al suo posto, riuscendo a crescere dove le altre piante si ridurrebbero in pezzi. Nella sua fragilità, il giunco è forte. E' per questo che io volevo essere un giunco.

2 commenti:

  1. il giunco deve vivere vicino all'acqua, perché è ciò che lo mantiene in vita.
    e deve vedere il sole, perché è ciò che rende la sua vita degna di essere vissuta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrei essere più d'accordo

      Elimina